Con Divorzio si fa riferimento all’istituto giuridico che rende possibile lo scioglimento o la cessazione degli effetti civile di un matrimonio.

Il termine scioglimento è indicato nel caso in cui i due coniugi hanno contratto un matrimonio civile. Mentre nel caso di un matrimonio concordatario il procedimento di divorzio avrà come fine ultimo la cessazione degli effetti civili.

Il processo di divorzio può essere riconosciuto come

Processo di Divorzio giudiziale: Tale procedimento è avviato nel caso in cui uno dei due coniugi non abbia espresso consenso sulle condizioni derivanti dal divorzio

Processo di Divorzio congiunto: Quando entrambi i coniugi sono d’accordo sulle condizioni da adottare

Ciò che differenzia il divorzio consensuale o congiunto dalla separazione legale è il fatto che quest’ultima si riferisce alla sospensione momentanea degli effetti civili del matrimonio, in attesa della riconciliazione dei due coniugi o dell’avvio del procedimento di divorzio.

Il processo di divorzio segue un periodo di separazione legale che è stabilito per Legge a 12 mesi. Il termine che sancisce l’inizio della separazione legale è decorre dal giorno della prima apparizione di entrambi i coniugi dinnanzi al Presidente del tribunale.

Pertanto il Divorzio può essere richiesto in seguito ad una separazione giudiziale, una separazione di fatto ed una separazione consensuale.

Ecco gli effetti giuridici del Divorzio:

  • Viene meno lo status di coniuge,
  • Entrambi gli ex coniugi possono nuovamente contrarre matrimonio
  • La donna perde il cognome del marito
  • Vengono cancellati diritti e gli obblighi discendenti dal matrimonio (artt. 51, 143, 149 c.c.),
  • Cessa la destinazione del fondo patrimoniale (art. 171 c.c.)
  • Viene meno la partecipazione dell’ex coniuge all’impresa familiare (art. 230 bis c.c.)

La disciplina del codice civile che regola il Divorzio è introdotta dall’art. 149 c.c., dalla legge 898/1970 c e dalla successiva modifica tradotta in legge n. 74/1987.

 

Divorzio Giudiziale

La proceduta di divorzio giudiziale è avviata nel caso di contenzioso tra i due coniugi, dal momento che i coniugi non riescono a trovare un punto di accordo nelle condizioni derivanti come:

  • l’ammontare dell’assegno di mantenimento al coniuge
  • L’assegnazione o affidamento dei figli
  • l’assegnazione della casa familiare
  • la divisione dei beni

I tempi del divorzio giudiziale, a differenza di quelli previsti per il divorzio consensuale, si dilatano fino ad 1 o 2 anni. Anche i Costi variano solitamente dalle 1.500 € alle 3.000 €.

 

La Documentazione necessaria per avviare un procedimento di divorzio giudiziale comprende:

documenti per divorzio giudiziale

Ai sensi dell’art. 19 della legge 6 marzo 1987 n. 74, tutti i certificati hanno validità per 6 mesi e dovranno essere richiesti in carta libera, sono esenti da imposta di bollo.

 

Divorzio Congiunto

Quando i coniugi trovano accordo comune sulle condizioni successive lo scioglimento del matrimonio si parla di Divorzio Congiunto o Consensuale. Pertanto, non persistono condizioni di contrasto su uno o più punti:

  • Affidamento della prole
  • Mantenimento della prole
  • Divisione dei beni comuni
  • Assegnazione del tetto coniugale

La  procedura per richiedere il divorzio congiunto ha inizio con la deposizione di un ricorso presso il Tribunale del Luogo in cui risiede almeno uno dei coniugi.

 

La Documentazione necessaria per poter avviare il processo consiste in:

divorzio consensuale allegati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel caso in cui i coniugi richiedono il divorzio consensuale, l’Iter è molto più snello rispetto al procedimento di D. Giudiziale e si svolge in una sola udienza stabilita dal Presidente del Tribunale (che fissa l’udienza dopo aver visionato il ricorso) con la presenza di entrambi i coniugi dinnanzi al Tribunale in camera di consiglio.

In camera di consiglio, il giudice tenterà dapprima una riconciliazione tra i coniugi; nel caso di fallimento di quest’ultima verrà accertata l’impossibilità di comunione spirituale e materiale della coppia.

Segue una verifica, da parte del Giudice, dei presupposti previsti dalla Legge sul Divorzio; quali:

  •  I coniugi sono già separati legalmente
  • Uno dei coniugi è colpevole di reato grave
  • Uno dei coniugi è di Nazionalità diversa ed ha già ottenuto in Paese Straniero l’annullamento del matrimonio
  • Uno dei coniugi ha dichiarato  giudizialmente il proprio cambio di sesso
  • Il matrimonio non è stato consumato.

La fase successiva prevede la sentenza di scioglimento dei vincoli matrimoniali e che verrà Trasmessa all’Ufficiale di Stato Civile che provvederà ad annotarlo sul Registro dello Stato Civile del luogo in cui era stato trascritto il matrimonio.

Il costo del procedimento di Divorzio Consensuale è inferiore a quello richiesto per l’avvio di un procedimento Giudiziale e si aggira intorno ai 2000 €.

Acquisto dei beni durante la separazione o divorzio

Il regime patrimoniale scelto in fase di matrimonio andrà ad incidere sull’acquisto dei beni, qual’ora i coniugi si trovino in fase di separazione o divorzio. Quando la coppia non è più in grado di risolvere pacificamente le questioni che riguardano la divisione dei beni, (come casa, mantenimento della prole, ecc.) allora è il caso di ricorrere al procedimento giudiziale che andrà a regolare le dispute patrimoniali.

Una delle questioni che potrebbero porre astio tra due coniugi in fase di separazione/divorzio riguarda l’acquisto dei beni. Per chiarire la questione iniziamo con il dire che ogni questione di tale tipologia viene rivista dal giudice che può interpretare la legge in piena indipendenza intellettuale.

Nel caso i coniugi si trovino in comunione dei beni; quest’ultimo regime viene meno dal momento in cui è pronunciata la sentenza di separazione. In questa fase entrambi i coniugi hanno il diritto di richiedere la separazione dei beni in parti uguali. Anche i beni che rimangono materialmente inseparabili, verranno venduti ed il ricavato spartito tra gli ex coniugi.

Nel caso in cui i coniugi, in fase di matrimonio, avessero scelto la separazione dei beni essi potranno gestire autonomamente tutti i beni personali, acquisiti durante o prima il matrimonio o nella fase precedente alla separazione.

 

Errore sul database di WordPress: [Table './i1988810_wo6/wp_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_comments.comment_ID FROM wp_comments WHERE ( comment_approved = '1' ) AND comment_post_ID = 23681 AND comment_parent = 0 ORDER BY wp_comments.comment_date_gmt ASC, wp_comments.comment_ID ASC

Commenta