Nel caso in cui una coppia di coniugi abbia scelto come regime patrimoniale la separazione dei beni, cosa accade in caso di eredità? Il marito o la moglie possono esercitare i diritti ereditari sul patrimonio del coniuge, nel caso di decesso di quest’ultimo?

La risposta è si! Non esiste, infatti, alcuna differenza nel regime patrimoniale scelto dalla coppia prima o durante il matrimonio; se uno dei due decede, l’altro ne diventa erede.  Il coniuge superstite (anche se in fase di separazione) avrà diritto ad una quota del patrimonio del defunto, mentre il resto del patrimonio sarà spartito con eventuali altri eredi come previsto dal testamento e dal codice civile.

Quindi, i diritti ereditari possono essere esercitati anche in fase di separazione, richiesta in Comune, in  Tribunale o con la separazione assistita. Il diritto d’eredità viene perso, in fase di separazione, solo nel caso in cui il giudice ritenga il codice superstite la causa della fine della relazione matrimoniale e la parte che è venuta meno all’adempimento delle regole sancite dal codice civile (diritto di fedeltà, assistenza morale e materiale, ecc.).

Diverso il caso in cui, prima della morte del de cuius, fosse stata già pronunciata sentenza di divorzio tra i due coniugi. Al coniuge superstite non spetterà alcun diritto sui beni patrimoniali ereditari. Tuttavia, nel caso in cui la sentenza di divorzio avesse previsto il mantenimento del coniuge superstite (attraverso un assegno emesso dal defunto nel periodo precedente alla sua morte) il tribunale può attribuire al coniuge ancora in vita, ed in stato di bisogno, un assegno di mantenimento a carico dell’eredità.

Successione Legittima

Nel caso in cui il defunto coniuge muoia senza lasciare testamento, il patrimonio ereditario verrà suddiviso in parti tra: coniuge superstite, figli o discendenti, ascendenti (genitori), collaterali (fratelli o sorelle del defunto), altri parenti o Stato.

Al coniuge superstite spetta l’eredità in tali misure stabilite dal Codice Civile:

  • Metà del patrimonio nel caso in cui vi sia solo un discendente (o figlio unico della coppia)
  • 1/3 se i discendenti sono più di uno
  • 2/3 in presenza di ascendenti o collaterali del defunto
  • l’intero patrimonio ereditario in mancanza di altre parti.

Successione Necessaria

Nel caso in cui il defunto coniuge muoia senza lasciare testamento, il patrimonio ereditario verrà suddiviso in parti tra: coniuge superstite, figli o discendenti, ascendenti ( che corrispondono ai genitori del defunto), collaterali (fratelli o sorelle del defunto), altri parenti o lo Stato.

Al coniuge superstite spetta l’eredità in tali misure stabilite dal Codice Civile:

  • Metà del patrimonio nel caso in cui vi sia solo un discendente (o figlio unico della coppia)
  • 1/3 se i discendenti sono più di uno
  • 2/3 in presenza di ascendenti o collaterali del defunto
  • l’intero patrimonio ereditario in mancanza di altre parti.

 

Errore sul database di WordPress: [Table './i1988810_wo6/wp_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_comments.comment_ID FROM wp_comments WHERE ( comment_approved = '1' ) AND comment_post_ID = 33971 AND comment_parent = 0 ORDER BY wp_comments.comment_date_gmt ASC, wp_comments.comment_ID ASC

Commenta